L'IMPIANTO FOTOVOLTAICO

L'impianto Fotovoltaico, se correttamente dimensionato, permette di soddisfare i bisogni energetici di un edificio.

Gli impianto fotovoltaici in Italia si sono particolarmente sviluppati negli ultimi anni anche in presenza di forti incentivi alle Energie Rinnovabili successivamente bruscamente interrotti.

Per tali impianti rimangono comunque incentivi per i soggetti privati (detrazione Irpef 50%) e per le aziende (ammortamento e/o Certificati Energetici o Certificati Bianchi).

Le componenti dell'impianto

Un impianto o sistema fotovoltaico è tipicamente composto da:

  • moduli fotovoltaici;
  • strutture di sostegno;
  • inverter;
  • quadri elettrici e cavi di collegamento.

I moduli fotovoltaici
Un modulo o pannello fotovoltaico è costituito da più celle assemblate insieme e collegate in serie. Le principali tecnologie disponibili per le celle fotovoltaiche sono:

  • Celle fotovoltaiche in silicio “Monocristallino”: il Silicio a cristallo singolo o “Monocristallino” è ottenuto mediante un processo detto di “melting” che consiste nel fondere e mettere a contatto i cristalli di silicio con un seme di cristallo. Si ottiene così un lingotto cilindrico del diametro variabile tra i 13 e i 20 cm per una lunghezza che può raggiungere i 200 cm. Questo lingotto viene tagliato a fette molto sottili dette “Wafers” con spessore tra i 250 e 300 µm. Le celle monocristalline sono caratterizzate da un omogeneo colore blu e da una forma ottagonale.
  • Celle fotovoltaiche in silicio “Policristallino”: il Silicio a cristallo multiplo o “Policristallino” presenta cristalli di silicio con orientamenti diversi. Essi vengono colati in blocchi e poi tagliati sotto forma di dischetti. Le celle policristalline sono caratterizzate da un colore blu elettrico dove è possibile distinguere le forme dei cristalli e da una forma quadrata.

 

 

Le strutture di sostegno
Le strutture di sostegno sono utilizzate per fissare i moduli fotovoltaici su coperture, su edifici, su pensilini oppure a terra.

L'inverter
Per rendere compatibile l’energia in corrente continua generata dai moduli fotovoltaici con le tipiche apparecchiature elettriche, è necessario trasformare la stessa in alternata attraverso l’inverter.

 

 

 

 

I quadri elettrici e i cavi di collegamento
Quadri e cavi elettrici sono necessari per costituire un circuito elettrico che colleghi moduli, inveter, impianto di utilizzo energia e la rete elettrica nazionale.

La produzione di energia elettrica

La producibilità elettrica di un impianto fotovoltaico è funzione tipicamente della radiazione solare annuale del sito dove l’impianto viene istallato e dell’orientamento dei moduli.
La radiazione solare annuale si può determinare ricorrendo a banche dati (UNI 10349, Atlante Solare Europeo, ENEA). Le condizioni ottimali di orientamento per l’Italia sono:

  • esposizione SUD (accettata anche SUD-EST, SUD-OVEST, con limitata perdita di produzione);
  • inclinazione 30-35° gradi.


La nostra azienda è a vostra disposizione per qualsiasi consulenza, progetto di massima, preventivo di spesa e valutazione complessiva con business-plan del vostro impianto fotovoltaico.

Particolare attenzione è sempre stata rivolta alla qualità dei prodotti installati, al fine di garantire il massimo rendimento dell'impianto.

La ricerca della qualità e del costante miglioramento ci ha portato nel tempo ad utilizzare principalmente i seguenti marchi:

 

L'azienda SOLICUM snc è certificata SOA OG9 "Impianti per la produzione di Energia Elettrica" .